Riqualificazione energetica e risanamento dell’amianto connessi a funzioni residenziali

Si informa che a partire dalla data del 01 gennaio 2018 la dematerializzazione della Pubblica Amministrazione entrerà in pieno vigore, in forza delle previsioni di cui al Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 13 novembre 2014, recante "Regole tecniche in materia di formazione, trasmissione, copia, duplicazione, riproduzione e validazione temporale dei documenti informatici nonché di formazione e conservazione dei documenti informatici delle pubbliche amministrazioni ai sensi degli articoli 20, 22, 23-bis, 23-ter, 40, comma 1, 41, e 71, comma 1, del Codice dell'amministrazione digitale di cui al decreto legislativo n. 82 del 2005".

 

 

Ne consegue che, a partire dalla stessa data del 01 gennaio 2018 lo Sportello non accetterà più – di norma - documentazione cartacea, ponendosi come fondamentale obiettivo dell’azione amministrativa la gestione documentale informatizzata, e la conseguente sostituzione dei supporti tradizionali della documentazione amministrativa in favore del documento informatico, in aderenza alla normativa vigente.

 

 

Sarà accettato solamente l’invio telematico attraverso lo sportello telematico unificato delle pratiche edilizie, potrà essere richiesto eventualmente dai tecnici comunali la copia cartacea dei soli elaborati progettuali da portare direttamente allo sportello pubblico negli orari di ricevimento.

Cos'è: 

Riqualificazione energetica e risanamento dell’amianto connessi a funzioni residenziali

Si definiscono di riqualificazione energetica gli interventi con impatto sulla prestazione energetica dell’edificio che coinvolgono una superficie inferiore o uguale al 25% della superficie disperdente lorda complessiva dell'edificio (articolo 2, comma 1, lettera "l-vicies-ter del Decreto Legislativo 19/08/2005,  n.  192).

Per favorire lo sviluppo del proprio territorio, garantendo ed accelerando il perseguimento degli obiettivi comunitari in materia energetica, Regione Lombardia ha previsto una disciplina semplificata relativa agli interventi di riqualificazione energetica e risanamento dell’amianto connessi a funzioni residenziali (articolo 19 della Legge Regionale 18/04/2012, n. 7). Quando si opera alla bonifica di materiali contenenti amianto è necessario il deposito del piano di lavoro attraverso il servizio telematico Ge.M.A..

Istanze edilizie che abilitano all'esecuzione dell'intervento.
Descrizione dei titoli abilitativi: 

Per gli interventi di riqualificazione energetica e risanamento dell'amianto connessi a funzioni residenziali occorre presentare comunicazione di inizio lavori asseverata (CILA).

Insieme ad essa deve essere presentata la relazione tecnica di asseverazione redatta e firmata da professionista abilitato (articolo 19 della Legge Regionale 18/04/2012, n. 7 e articolo 6 del Decreto del Presidente della Repubblica 06/06/2001, n. 380).

.:: Copyright© GLOBO srl - C.F. e Partita IVA 02598580161 - All rights reserved ::.

Lo Sportello telematico unificato  |  Diritti e Privacy  |  Credits