Attività ad inquinamento atmosferico scarsamente rilevante

Si informa che a partire dalla data del 01 gennaio 2018 la dematerializzazione della Pubblica Amministrazione entrerà in pieno vigore, in forza delle previsioni di cui al Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 13 novembre 2014, recante "Regole tecniche in materia di formazione, trasmissione, copia, duplicazione, riproduzione e validazione temporale dei documenti informatici nonché di formazione e conservazione dei documenti informatici delle pubbliche amministrazioni ai sensi degli articoli 20, 22, 23-bis, 23-ter, 40, comma 1, 41, e 71, comma 1, del Codice dell'amministrazione digitale di cui al decreto legislativo n. 82 del 2005".

 

 

Ne consegue che, a partire dalla stessa data del 01 gennaio 2018 lo Sportello non accetterà più – di norma - documentazione cartacea, ponendosi come fondamentale obiettivo dell’azione amministrativa la gestione documentale informatizzata, e la conseguente sostituzione dei supporti tradizionali della documentazione amministrativa in favore del documento informatico, in aderenza alla normativa vigente.

 

 

Sarà accettato solamente l’invio telematico attraverso lo sportello telematico unificato delle pratiche edilizie, potrà essere richiesto eventualmente dai tecnici comunali la copia cartacea dei soli elaborati progettuali da portare direttamente allo sportello pubblico negli orari di ricevimento.

Descrizione dell'istanza
Cos'è: 

Impianti ed attività ad inquinamento scarsamente rilevanteL'inquinamento atmosferico scarsamente rilevante è riferito alle emissioni prodotte dagli impianti e dalle attività definiti dall'articolo 272, comma 1 del Decreto Legislativo 03/04/2006 n. 152 ed elencati alla Parte I dell'Allegato IV alla Parte V del medesimo decreto.
Ne sono esempi laboratori odontotecnici, laboratori orafi, lavorazioni tessili, cucine e rosticcerie, panifici e affini, stirerie, esercizi in cui viene svolta attività estetica, parrucchieri, estetisti, officine meccaniche, autolavaggi, serre, ecc.
Per questo tipo di emissioni il gestore deve comunicare al SUAP, prima o contestualmente all'avvio dell'attività o dell'impianto, di ricadere nell'elenco delle emissioni scarsamente rilevanti, in applicazione della Deliberazione della Giunta Regionale 29/10/2001, n. 7/6631, del Decreto del Dirigente dell'Unità Organizzativa 23/12/2011, n. 12772 e della Deliberazione della Giunta Regionale 18/07/2012, n. 9/3780.

Se non viene effettuata la comunicazione il gestore incorrerà nelle sanzioni previste dall'articolo 279, comma 3 del Decreto Legislativo 03/04/2006 n. 152.

Documentazione richiesta per la presentazione dell'istanza
Informazioni sull'istanza
Dove si presenta: 
Allo sportello telematico
Pagamenti: 

Il procedimento potrebbe prevedere il pagamento degli oneri istruttori previsti dalla Città metropolitana o Provincia.

Iter del procedimento: 

La comunicazione ha validità immediata.

.:: Copyright© GLOBO srl - C.F. e Partita IVA 02598580161 - All rights reserved ::.

Lo Sportello telematico unificato  |  Diritti e Privacy  |  Credits